Partner

Banner

Login



Quello che non ti aspetti...Campioni al "Ponente" 2011! PDF Stampa E-mail

Una giornata che non ti aspetti, una finale da brividi dopo una batteria a dir poco tremenda ed un risultato che nessuno, sfido chiunque, avrebbe mai pronosticato.

Ci eravamo lasciati ai campionati regionali del 2010, conclusi con un dignitoso ma risicato 4° posto dietro a Portofino, Burgu Noli e Scalo Quinto, ma con lo "scudetto" della stra-cittadina che ancora oggi rappresenta il top, per ora, della nostra societa', il San Pietro 2010.

Ci ritroviamo quasi un anno dopo, con un cambio mica da ridere: sostituire il 35° della classifica nazionale, Ruggero, secondo remo, con un giovane di grandi prospettive, Luca P., alla sua prima esperienza su un gozzo seniores.

Eppure...Eppure in questi anni qualcosa e' cambiato.

Il vento sta cambiando a Voltri, e non quello atmosferico: una volta ci si batteva per superare almeno le batterie e non piazzarsi ultimi alle finali.

Adesso succede che vai in finale facendo una batteria pessima e prendendo 4 barche luce dal primo, e poi in finale ti ritrovi con un altro spirito, un altro piglio, una barca che VOLA letteralmente sulle acque di casa, spinta dal tifo CALOROSO, questo ne va dato atto a tutti gli amici della canotti, e non erano pochi in spiaggia, Giri di boa, provati poche volte, che vengono quasi a meraviglia, e poi una chiusura sulla quarta tratta...Ho nelle orecchie i "versi" che faceva Dario (terzo remo) nelle mie orecchie: quando e' partito, la barca ha cambiato rotta, buttando prua verso la destra, e per riprendere e tenere dritta con l'altra bordata....Eravamo praticamente sdraiati fino in fondo per fare la stessa forza!

 

BATTERIE

Ma onore alla cronaca...

Palio del ponente 2011, Voltri 2 Giugno. Prima delle tre prove dei palii genovesi che porteranno il giorno di S.Giovanni Battista al palio di Genova. Prima batteria con SS Murcarolo che schiera l'azzurro Jovanovic e l'uomo di esperienza del canottaggio nerviese (anche se abita a Voltri...) Marco Filippini. All'ultimo momento, diamone atto, l'allenatore Stefano Melegari (dopo premiato come vogatore piu' anziano) ha dovuto sostituire un certo Enrico Perino, anche lui nel clan eletto degli azzurri del canottaggio italiano.

In seconda boa lo Scalo Quinto che sostituisce l'amico Mario, in congedo per un anno, con Nicolo', ex Schenone Foce ed in acqua 1 lo Schenone Foce, allenato dal nostro carissimo amico Carlo "Vasco" che porta ben 4 categoria ragazzi (meno di 18 anni!!!) in prima squadra. Ed e' subito battaglia per il secondo posto utile per raggiungere la finale: Quinto "passeggia", come ammettera' piu' tardi l'uomo simbolo del rione di Levante, Luca Cama, mentre ad ogni giro di boa e' davanti prima Murcarolo poi Foce...Si conclude con un'inaspettata eliminazione della blasonatissima SS Murcarolo (senza citare i campionati di FIC e FICSF ed il numero di ragazzi nelle nazionali di canottaggio italiane ad oggi convocati, gia' questo farebbe notizia).


Nella seconda batteria, batteria "proibitiva", con in acqua 1 i campioni italiani juniores in carica del Urania con, a 4° remo, l'eterno Roberto Moscatelli. Acqua 2 i padroni di casa del Voltri con il neo-promosso Luca P al secondo remo (confermati Daniele capovoga, Dario 3° remo e Luca A. prua) mentre acqua 3 schiera 3/4 del equipaggio dell'anno scorso con i fratelli Gentile sugli scudi, dopo il recente successo nel 2 di punta seniores nell'ultima gara di lariana di Pra, e la new entry Umberto Vitriolo: non certamente l'ultimo arrivato nel canottaggio ligure (voga e va forte per la societa' Elpis nel sedile scorrevole).

Pronti via e si capisce che il discorso per l'ultimo posto disponibile per accedere alla finale, sara' tra Voltri e Sestri, sempre leggermente indietro, perche' dopo il primo giro di boa, l'Urania semplicemente controlla incrementando sempre piu' il vantaggio.

Voltri certamente non brilla per la scorrevolezza (sembrava una vasca da bagno) ed i giri di boa (sul secondo giro di boa si fa raggiungere dal Sestri perdendo 20 metri buoni). Alla fine, con un buono sprint finale nel 4° ed ultimo tratto, per un soffio (un paio secondo), Voltri strappa il biglietto per la finale. Si arrende di poco Sestri che ad un certo punto aveva raggiunto l'equipaggio di casa ma non e' riuscito ad impostare bene il rush finale.


FINALE

Tutto faceva propendere quindi ad una discorso tra Urania e Quinto, dominatori delle rispettive batterie, con Voltri e Foce a giocarsi il terzo gradino del podio. Poi il vento davero cambia, quando meno te lo aspetti...E non quello atmosferico...In acqua 1 (diciamolo, forse leggermente favorita sulla 3 e la 4 perche' lato spiaggia) Voltri parte a razzo a braccetto con l'Urania che nel primo tratto fanno il vuoto. Ingressi in boa sempre piu' o meno alla pari, uscite sempre in anticipo il Voltri sull'Urania. Secondo tratto e seconda boa allo stesso modo. Il terzo tratto e' caratterizzato da una migliore scorrevolezza della barca di Sturla ma al terzo giro di boa, e' la prua di Voltri ad uscire per prima. Ed e' un susseguirsi di emozioni...Le barche aumentano il numero di colpi, si sentono dei versi animaleschi da un lato (Dario del Voltri) e dall'altro (la timoniera dello Sturla che incitava i suoi), ma la prua di Voltri e' sempre piu' avanti di un paio di metri, senza riuscire a mettere luce.

Gli ultimi 150 metri sono da infarto: aumentano ancora il numero di colpi(siamo sui 34/36), il terzo remo della Canottieri Voltri da fondo e scarica i quasi 100kg di potenza sul remo tanto che i due Luca, alla bordata "pari", faticono a tenere la stessa forza e far andare dritto il gozzo, ma ci riescono e senza rischiare troppo, ma tirando alla morte, tagliano con un paio di secondi in anticipo il traguardo, ipotecando la prima vittoria della stagione e la prima vittoria al Palio di Ponente della Canottieri Voltri!

In spiaggia e' il tripudio: applausi grida e urla accolgono gli "eroi di giornata", come dice lo speaker e presidente del comitato regionale della federazione di acnottaggio a sedile fisso Marco CALLAI: "Voltri profeta in patria".

Alla premiazione gavettoni, champagne e musica a "palla" per festeggiare una vittoria maturata con una prova di potenza, precisione e tecnica, ma soprattutto CUORE, inaspettata ma comunque curata gia' a partire dal mese di aprile. I volti della vittoria? Sia questo per una volta un omaggio sincero ai miei compagni di remo: un Daniele BIONDI (timoniere) che ormai e' diventato un professionista del mestiere, nel girare e "chiamare" le boe, i rinforzi ed incitare nei momenti di bisogno la squadra. Un Daniele SIVIERO (capo-voga) che rappresenta la vera mente di questo equipaggio, la forza ma soprattutto la tecnica, su cui batte molto, ed il ritmo. E' po la persona che ha insegnato a vogare almeno a 6 degli atleti che militano nella squadra agonistica della canottieri Voltri. Un Dario FERRANDO che cosi' in forma non e' mai stato: chiunque fosse passato in questi mesi dalle 6 in poi in societa', lo avrebbe visto o in mare con il gozzo o a correre fino a Vesima, tirare su tutta la ghisa della palestra o sistemare le attrezzature per uscire in mare. Forse e' lui il vero acquisto della stagione 2011, aggiungendo a quella potenza che c'e' sempre stata, anche l'agilita' e la velocita' di palata. Infine un Luca PONTA che non ti aspetti: essere considerato almeno da 4 anni come uno dei giovani piu' promettenti almeno del panorama del sedile fisso genovese, non avendo pero' dei pari eta' con cui fare degli equipaggi, toglierebbe le motivazioni a chiunque. Luca sa che quest'anno e' l'anno del "dentro o fuori", sfruttando l'assenza concomitante di Ruggero, studente quest'anno in terra di Francia. E a dire dal risultato maturato sul campo alla prima stagionale c'è solo da aspettarsi un futuro sempre in crescendo.

Un grazie enorme al vice-presidente Giacomo BUSCAGLIA che insieme allo sponsor della GASTRONOMIA DEGLI ANGELI ha contribuito alla sistemazione del campo di regata, che con il mare che c'era non era roba da poco, e alle splendide foto fatte in mare.

Un grazie come sempre al signor BIONDI, papa' dell'indiscusso timoniere, che ci segue da anni spendendo tempo e denaro per comprare articoli sempre piu' tecnologici per filmarci nei momenti brutti e, fortunatamente, anche in quelli piu' belli!

Grazie a Gianluca RUOCCO, membro semi-agonista che ci segue da anni e che ogni tanto scende in gara con noi, ma si da disponibile per tutto, dal portar acqua al dare un consiglio fino all'incitarci perdendo la voce come uno scemo!

Infine un grazie speciale va questa volta alla signora GEMMA, madre della signora Priano e quindi a tutti gli effetti una di famiglia, che in un giorno soltanto e' riuscita a fare quello che in 4 anni non siamo mai riusciti a fare noi: pantaloncini per le gare di canottaggio a sedile fisso che normalmente avremmo pagato 40 euro l'uno per un risultato piu' scarso. Anche a lei va questa vittoria.

Sia questo solo il punto di partenza di questa strana e speriamo sorprendente stagione 2011: da oggi (anzi da domenica sera ore 1830!!) si comincera' pero' a fare sul serio, perche' dopo il palio di genova dell'anno scorso e il palio di ponente di ieri, adesso i riflettori sono tutti su di noi. E non possiamo permetterci di "steccarne" una adesso, forse e' arrivato davvero il momento di saltare di categoria ed entrare nel "gota" del canottaggio italiano a sedile fisso, intanto per la specialita' del gozzo nazionale.

Benvenuti a VOLTRI: capitale del GOZZO!


 

ADGS Canottieri Voltri  -  Piazza Nicolò da Voltri (lato mare), 16158 Genova  -  info@canottierivoltri.it  -  PI: 92016930106